Abitudini

Ma l’astuzia dei tiranni nell’abbruttire i propri sudditi si dà a vedere nel modo più chiaro in quel che Ciro fece ai Lidi […] escogitò un grande espediente per assicurarsela: fece aprire bordelli, taverne e sale da gioco, emanando un’ordinanza che obbligava gli abitanti a frequentarli.

Discorso della servitù volontaria, Étienne de La Boétie (1548 a.c.)

las vegas.jpg

USA. Nevada. Las Vegas. 1967.                                                          Henri Cartier-Bresson
View profile

Alcune foto

Virginia Woolf in 1902; photograph by George Charles Beresford.

[…] si ricordò di aver incontrato Zita per la prima volta a una mostra fotografica, ferma di fronte al proprio ritratto. Aveva visto prima la foto di lei, e non sapeva quale delle due smentiva l’altra, se la donna della foto quella che le stava davanti, o viceversa. Alcune foto, come per esempio quella famosa di Virginia Woolf a vent’anni che guarda di lato, sono talmente perfette che l’essere vivo che vi è  ritratto appare una finzione, un qualcosa fatto apposta per rendere possibile la fotografia. Inni aveva capito che, se voleva conoscere la donna della foto, doveva rivolgere la parola alla donna che le stava davanti, e così aveva fatto.

Cees Nooteboom, Rituali

Il nome fotografia

Il nome fotografia fu dato a questo procedimento [quello di Talbot] dal famoso astronomo Sir John F. W. Herschel. È uno strano nome, che letteralmente significa: scrivere con la luce. Forse Herschel voleva fare dell’ironia, perché era chiaro fin dall’inizio che fotografia e scrittura (e anche linguaggio sotto qualsiasi forma) non hanno nulla a che fare l’una con l’altra. Tuttavia, da quando fu dato quel nome, è diventato abituale parlare della fotografia come di un “linguaggio”. La metafora nasconde un trabocchetto perché trascura il fatto che ci sono delle differenze fondamentali tra i due modi di conversazione. Tanto per cominciare la fotografia è un linguaggio che parla soltanto con i particolari. Il suo vocabolario di immagini è limitato alle rappresentazioni concrete. […] si può fotografare soltanto un frammento di ciò che è qui e ora: in un certo momento, e da un particolare punto di vista.

La fotografia documenta ed evidenza i particolari. Il linguaggio li rende comprensibili.

(Divertirsi da morire, Neil Postman, p.93)

Guido Guidi